Filiera del luppolo.it

Il progetto LUPPOLO.IT, finanziato dal MiPAAF con D.G. n. 96732 del 28/12/2016 e coordinato dal Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), è il primo progetto di ricerca nazionale sulla coltivazione del luppolo in Italia.

EVENTI


NEWS


Il CREA ha partecipato al XXIV Congresso della Società Italiana di Patologia Vegetale (SIPaV), che si è tenuto ad Ancona dal 5 al 7 settembre 2018, con il lavoro “Occurrence of viral pathogens and Pseudoperonospora humuli in hop plants in Italy”.
Sono disponibili abstract e presentazione a cura di L. Ferretti, M. Luigi, F. Faggioli, A. Haegi.
Sono stati realizzati gli atti del convegno "Criticità e opportunità per lo sviluppo sostenibile di una filiera del luppolo italiano".
Scarica il volume
È ora disponibile la mappa dei luppoleti italiani con superficie superiore o pari a 1000 metri quadrati aggiornata a maggio 2018.
Guarda la mappa



Il CREA partecipa all'"VIII Simposio Italiano di Spettroscopia NIR (NIRITALIA 2018)", che si terrà a Genova il 30-31 maggio 2018.
Nell’occasione sarà presentato il lavoro “Classification of international hop genotypes by near infrared spectroscopy”, con il quale per la prima volta si è investigata con successo la possibilità di valutare l’origine varietale e geografica di luppoli da germoplasma internazionale mediante spettroscopia nel vicino infrarosso (NIR) e tecniche chemiometriche.
luppoleti censiti (aggiornamento aprile 2018)È ora disponibile la mappa dei luppoleti italiani con superficie superiore o pari a 1000 metri quadrati aggiornata ad aprile 2018.
Guarda la mappa



Analisi SWOT filiera del luppoloGuarda l'analisi SWOT della filiera del luppolo in Italia.
Download


Sviluppo sostenibile di una filiera del luppolo abruzzeseLeggi l’articolo di ABRUZZO ECONOMIA sullo sviluppo sostenibile di una filiera del luppolo abruzzese. L’articolo tratta i temi discussi durante il convegno tenutosi ad Atri (TE) il 22 novembre 2017.
Download


Si ringraziano tutti coloro che sono intervenuti al convegno “Criticità e opportunità per lo sviluppo sostenibile di una filiera del luppolo italiano”, dove sono stati presentati i risultati del primo anno di attività del progetto LUPPOLO.IT.
A breve saranno disponibili gli atti del convegno.
Il team del progetto LUPPOLO.IT augura a tutti buon Natale e buone feste.
Ci aspetta un nuovo anno ricco di attività che continueremo a portare avanti con tutte le aziende coinvolte e con le nuove che si aggiungeranno.
Filiera del luppolo e della birra artigianale nell’Italia meridionaleSono stati realizzati gli atti del workshop "Filiera del luppolo e della birra artigianale nell'Italia meridionale. Gli strumenti del PSR 2014-2020". Il volume contiene, oltre alle presentazioni dei relatori, approfondimenti sulle tematiche affrontate durante l’evento.
Scarica il volume
È ora disponibile la mappa dei luppoleti italiani con superficie superiore o pari a 1000 metri quadrati aggiornata a settembre 2017.
Guarda la mappa
Raccolta luppolo 2017Guarda le foto ed i video della raccolta 2017 e del post raccolta nella sezione dedicata.
Primo raccolto di luppolo dell’annoIl progetto LUPPOLO.IT raccoglie i primi fiori!
E’ iniziata la raccolta 2017 del luppolo italiano: sabato 5 agosto, in Sicilia, è stato effettuato il primo raccolto dell’anno da parte di una delle aziende del network progettuale.
Quattro le varietà coltivate, i cui fiori saranno impiegati sia freschi sia essiccati da alcuni birrifici artigianali locali interessati alle materie prime regionali. L’esperienza di Piazza Armerina, unica nel suo genere, conferma la possibilità di coltivazione di varietà di luppolo internazionali anche in Sicilia.
Il progetto LUPPOLO.IT visita l’Abruzzo!
I ricercatori del CREA in visita presso un luppoleto commerciale in Abruzzo per verificare potenzialità di sviluppo di questa filiera innovativa nelle regioni dell’area del cratere.
La coltivazione del luppolo, nelle regioni colpite dal sisma, è un’attività che può favorire sia il reinserimento nel mercato del lavoro dei soggetti che in seguito al terremoto hanno perso l’occupazione, sia la creazione di nuove imprese.